Sarce e la rivoluzione Internet of Things

by Francesco Alberti in Innovation

Internet of Things: il futuro è già qui.

A oggi, secondo Gartner, gli oggetti connessi sono circa 5 miliardi e diventeranno 25 entro il 2020. Secondo Will Frank, fondatore di Ubiquisys (una delle prime aziende ad entrare nel business dell’IoT oggi di proprietà di Cisco), gli oggetti connessi permetteranno di ottimizzare in tempo reale processi produttivi e attività economiche riducendo in maniera sensibile l’inquinamento e il consumo di risorse.

L’Internet of Things è una forza importante per valorizzare il patrimonio informativo aziendale e ottenere vantaggi reali. Introdurre un progetto IoT in azienda significa offrire un servizio a valore aggiunto ai dipendenti addetti al controllo dei dati e dei clienti, consentendo loro di valutare in real time l’andamento dell’impianto di produzione o delle loro macchine.

Perché Sarce?

Sarce, grazie alla collaborazione con Microsoft, è in grado di creare un sistema di monitoraggio dello stato di funzionamento dei macchinari di un azienda basato sui servizi di Azure IoT Suite. Migliaia di sensori, parte degli impianti di produzione di qualunque organizzazione, possono essere così collegati al cloud consentendo la visualizzazione dei dati prodotti attraverso dashboard di Dynamics CRM Online e quindi fruibili sia da mobile che da PC. Tutto questo rende possibile il controllo in tempo reale dei KPI utili per verificare il perfetto funzionamento dei propri impianti.

La capacità di connettere, raccogliere e valorizzare i dati che un progetto IoT porta al suo interno è in grado di far recuperare efficienza, di aumentare il controllo sulle operazioni e di prevenire l’eventuale danno o problema risolvendolo prima che si verifichi effettivamente.